Skip to content
peeling-mandelico

Peeling acido mandelico: cos'è e a cosa serve?

Per capire a cosa serve il peeling acido mandelico dobbiamo prima capire cos’è l’acido mandelico. L’acido mandelico è un idrossiacido aromatico, estratto dalla mandorla

Rientra tra gli acidi buoni, e viene utilizzato per la pulizia del viso, il peeling, e i massaggi, perché è un valido aiuto contro le rughe, i punti neri e le imperfezioni in generale. 

È molto utilizzato nella cosmetica in concentrazioni diverse per ridare luminosità e compattezza alla pelle del viso, esfoliare la pelle e attenuare le macchie superficiali.

Conosciuto e apprezzato per le sue proprietà esfolianti, purificanti e anti-aging, agisce sulla pelle in modo delicato con ottimi risultati.

Più avanti nella lettura scopriremo le proprietà di questo acido.

Come si utilizza l’acido mandelico?

L’acido mandelico per le sue straordinarie proprietà esfolianti, viene utilizzato spesso per il peeling.
Con il peeling all’acido mandelico si velocizza il processo di rinnovamento cellulare, perché consente di andare in profondità e ottenere diversi benefici come:

  • favorire il rinnovamento cellulare;
  • schiarire le macchie del viso e della pelle;
  • combattere acne e brufoli;
  • ridurre gli esiti cicatriziali;
  • contrastare le rughe e altre irregolarità della pelle.

differenza dell’acido glicolico, l’acido mandelico si può utilizzare in tutte le stagioni perchè non è fotosensibile.

L’acido mandelico è utilizzato in concentrazioni diverse e solo i professionisti possono utilizzarlo in alta concentrazione (50%) per fare i peeling chimici sul viso.


Il peeling all’acido mandelico non provoca bruciori, ma è sempre bene applicare una crema emolliente e nutriente dopo il trattamento.

Tra i nostri trattamenti di medicina estetica, il trattamento al peeling mandelico prevede una maschera personalizzata e una seduta di ossigenoterapia.

acido_mandelico

Hai dermatiti seborroiche, acne, punti neri e pori dilatati questo è il trattamento che fa per te. 

Vuoi scoprire come utilizzare l’acido mandelico per combattere l’acne ecco uno degli ultimi articoli comparsi sulle  riviste del settore.

maschera-acido-mandelico

Acido mandelico: controindicazioni

Il vantaggio dell’acido mandelico è quello di essere adatto a tutte le tipologie di pelli.

Riesce a stimolare il turnover cellulare e favorire così l’eliminazione delle cellule danneggiate, e rivitalizzare il derma.

La sua azione esfoliante è più delicata rispetto agli altri alfa-idrossiacidi, rendendo molto rari gli effetti collaterali e controindicazioni sulla pelle. 

A volte, però, possono comparire effetti indesiderati, soprattutto per chi come te ha la pelle più sensibile.

Per questo il mio consiglio è quello di rivolgersi sempre prima ad un esperto.

Nel mio centro siamo a tua disposizione, chiama e fissa un appuntamento al numero 06/5570587 .

Peeling acido mandelico, quante sedute sono necessarie?

Il sole, lo stress, l’inquinamento e l’invecchiamento sono fattori che purtroppo penalizzano la levigatezza e luminosità della nostra pelle.
Proprio per questo, dopo l’estate e inizio autunno è bene preparare la pelle per affrontare al meglio l’arrivo della stagione invernale e preservare i benefici delle vacanze. 

Il peeling all’acido mandelico è un trattamento che va fatto per aiutare il turn over della cellule.

Il numero di trattamenti dipende dal tipo di pelle, ma i risultati sono visibili già dal primo trattamento.

Chiama e prenota un appuntamento al nostro centro, per il miglior peeling acido mandelico

icona-vanityfly

Curiosità

L'acido mandelico è stato ribattezzato "acido amigdalico" in memoria del singolare modo in cui è stato scoperto: la sostanza è stata casualmente isolata durante il riscaldamento di un'estratto di mandorle amare (contenente amigdalina) diluito in acido cloridrico.
Il nome "mandelico" deriva invece dalla parola "mandel" che in tedesco significa mandorla.